Blog post

LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore

img_0886

E’ la mostra del momento, almeno qui a Roma. E’ rosa e rossa, scintillante, coinvolgente e molto social, #chiostrolove è l’hashtag ufficiale della mostra, inaugurata il 29 Settembre, che conta fino ad oggi  qualcosa come 9.500 foto condivise su Instagram.

Un’esposizione che tenta di raccontare quel sentimento universale che è l’ Amore secondo diversi aspetti: l’amore materno, l’amore odiato, quello incompreso, quello corrisposto. Una mostra che, a differenza di molte, non punta il 100% solo sul contenuto, ma anche sulla percezione del visitatore. Non siamo più solo fruitori ma consciamente o non diveniamo noi i divulgatori e promotori della mostra, scattando e condividendo liberamente foto sui diversi social, del resto, come è  anche riportato ufficialmente sul sito del chiostro del Bramante: “Love va oltre il concetto di museo. (almeno come viene concepito molto spesso in Italia aggiungerei io)Il vero protagonista della mostra è il pubblico che si riappropria degli spazi espositivi, divenendo fruitore e divulgatore allo stesso tempo, avendo la possibilità di fotografare liberamente tutte le opere esposte. Un coinvolgimento sensoriale a 360° caratterizza l’esperienza museale, abbracciando il concetto di ‘open access’ e di museo in continua evoluzione.

Ad accompagnarvi in ogni stanza ci sarà un partner, un audioguida a vostra scelta tra:

    • John: giovane rampante e un po’ fuori tempo. Ti presto gli occhi del potere
    • David: Un uomo senza tempo e senza età. Come and dream by me
    • Amy: Sono la ragazza della porta accanto. Ascoltami che ti stupirò
    • Cocò: Insostituibile, unica e felice. L’amore passa ma lo stile resta.
  • Lilli e Biagio: Siamo due cagnolini simpatici e curiosi, mettiamo il naso in questo posto strano (pensato per i bambini)

Ogni sala conserva paesaggi di amori diversi: passioni e dolcezze, seduzioni e familiarità, trasgressioni e purezze, tanti volti così come tante maschere dell’amore.

Artista: Vanessa Beecroft

Il corpo femminile che diventa accoglienza, la stessa maternità che va oltre i figli biologici dove al centro della narrazione c’è l’amore materno e la famiglia moderna

img_0882

“L’avvento prima dei media e poi dei social media ha portato a un’enfasi esponenziale sull’immagine di sé. penso che gli artisti riflettano su questo tema proprio perché sentono che le persone sono in preda a un narcisismo isterico”. Narcisismo esplicitamente riproposto anche nella sua opera dove la bellezza classica si specchia in quella contemporanea, dove l’ironia dell’autore lancia uno sberleffo alla bellezza senza tempo della divinità. L’amore per la storia dell’arte e per il divismo.

La mostra  è un pochino piccolina, il tema è molto bello, merita comunque di essere visitata, anche per apprezzare nuovamente il chiostro di Bramante. L’esposizione terminerà il 19 Febbraio 2017. Prezzo dei biglietti 13 euro intero, 11 ridotto.

Ps. Per trascorrere una giornata diversa, o magari per trovare un posticino dove fermarsi prima o dopo la mostra, leggi qui!

img_0898

 “L’amore non si vede in un luogo e non si cerca con gli occhi del corpo. Non si odono le sue parole e quando viene non si odano i suoi passi”.

Sant’ Agostino

By Alessandra

Previous Post

Next Post

0 comment

  • ricettedacoinquiline

    Novembre 6, 2016 at 11:12 am

    Stupende!!

  • Lulu

    Novembre 7, 2016 at 2:34 pm

    Non vedo l’ora di vederla, mi ha incuriosito molto e secondo me merita!
    Un abbraccio

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *